Resti della chiesa di Sant'Agnese

I resti dell’antica chiesa di Sant’Agnese si trovano vicino ai margini della cittadina di Betiga, di fronte al ristorante Danijela. I resti degli scavi suggeriscono che la chiesa avesse la funzione di una cappella funeraria poiché furono trovate diverse tombe tutt’intorno. Fu scoperta nel 2005 durante i lavori di rimozione di materiale sassoso e di scarti edili, sebbene il sito fosse precedentemente chiamato Sant’Agnese.

Fu costruita su un precedente mausoleo risalente al 2° secolo e la chiesa stessa risale al 5° secolo. L’edificio stesso ha quattro contrafforti a oriente, i resti di una scalinata a ovest e di un muro di cinta a nord, probabilmente abbattuto durante la Seconda guerra mondiale per ricavarne un bunker o uno spazio dove nascondere le derrate. Tutte le pareti scavate sono conservate. Il sito è stato restaurato.

“Tu, mille volte beata, o purìssima Sant’Agnese, ti consacrasti a Gesù non appena ti fu possibile conoscerlo. (...) Fa, o Sant’Agnese, che la mia fede sia incrollabile a qualunque prova che Gesù mi vuol mandare, e sia da me accettata con amore. Così potrò un giorno possedere con te la beatitudine eterna. Amen.”

Sulla vita di Sant’Agnese:

Sant’Agnese era ricca e bella, e quando la sua mano fu chiesta dal figlio del prefetto di Roma, respinse questa richiesta e rinunciò all’amore terreno. La gente ammirava il suo coraggio a soli 12 anni. Sebbene fisicamente giovane, era spiritualmente matura ed era ben consapevole dei suoi valori eterni e si impegnò per loro per tutta la vita e rimase fedele a loro fino alla sua morte.

La leggenda dice che, otto giorni dopo la fine gloriosa, apparve ai suoi genitori con un agnello in mano e li confortò con la grande gloria che si era meritata con la morte del martire. È la patrona della giovinezza femminile e ragazze. Seguendo il suo esempio e ammirandola, molte ragazze hanno scelto la verginità e hanno dedicato la loro vita a Gesù, lo Sposo Divino.

POSIZIONE

Indirizzo: Betiga